Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Fatti riconoscere
Sezioni
Tu sei qui: Home Attività Progetti Progetto Rete Migrante Progetto KIT

Progetto KIT

Progetto "KIT" (Kit Informatico per Tutti)

Corso di informatica di base per i richiedenti asilo ospitati dalla cooperativa Arnèra nella zona della Valdera

 

SETTORE DI INTERVENTO: Formazione, Accoglienza Migranti

LUOGO: Pontedera (PI)

PARTNERS:
Cooperativa Sociale Arnèra, Pontedera
Unione Valdera

OBIETTIVO:
Fornire una conoscenza informatica di base ai richiedenti asilo ospitati da Arnèra nell’area della Valdera.

CONTESTO:
La cooperativa sociale Arnèra cura, presso diverse strutture dislocate tra la zona Pisana e la Valdera, l’accoglienza di migranti che hanno scelto di chiedere asilo politico in Italia. Si occupa di fornire i servizi linguistici, socio-sanitari e legali necessari alla loro permanenza, e lavora con altri attori allo scopo di migliorarne la qualità.

Ingegneria Senza Frontiere – Pisa collabora con Arnèra alla realizzazione di un corso di informatica di base, che ad oggi sta svolgendo il primo (e speriamo non ultimo) ciclo di lezioni con una ventina di studenti di diversa nazionalità. La maggior parte dei ragazzi interessati al corso non avevano mai avuto modo di utilizzare un computer in precedenza.

 

Terza lezione del corso Rete Migrante
Una delle lezioni di informatica. (Fotografia di Cristina Vurchio)

DIARIO DEL PROGETTO:
Nell'autunno del 2016 un socio di ISF-Pisa propone di investigare l'utilità sul nostro territorio di corsi di programmazione per rifugiati, ispirandosi al lavoro della rete tedesca Refugees On Rails. Iniziamo la ricerca nel mondo dell'accoglienza di Pisa e dintorni, proponendo l'idea a chi riusciamo a contattare.
Incontriamo presto Dario Ferraro e Renato Petrone, responsabili dell'accoglienza migranti per la Cooperativa Sociale Arnèra, che si dicono entusiasti  dell'idea. Iniziamo a lavorare con Dario, che in particolare si occupa dell'area della Valdera, perché vicino alla sede della cooperativa troviamo la disponibilità di un'aula informatica che ci viene fornita dall'Unione Valdera.

A dicembre organizziamo un primo incontro per presentarci. Secondo il modello di accoglienza diffuso, la cooperativa gestisce diverse case e appartamenti disseminati in tutta la Valdera, ed i ragazzi raggiungono con l'autobus la sede centrale a Pontedera (come faranno poi, tutti i sabati mattina, quelli di loro che decideranno di seguire il corso).
Questo primo incontro ha la duplice funzione di conoscerci a vicenda e di iniziare a sondare l'utilità di un corso di informatica (ed il livello al quale, nel caso, andrebbe strutturato).Emerge subito la necessità di un corso di base, adatto anche a chi non ha mai avuto accesso ad un computer. Dopo un altro incontro a gennaio, nel quale compiliamo insieme un questionario che confermerà quanto emerso il mese prima, iniziamo con le lezioni.

Per otto settimane, tra metà febbraio e inizio aprile 2017, ci incontriamo tutti i sabati mattina nell'aula informatica dell'Unione Valdera. Iniziamo con le basi, dall'accensione del computer all'impugnatura del mouse, e in breve arriviamo fino all'utilizzo di software di scrittura e della posta elettronica. I ragazzi provengono da paesi diversi, e nonostante seguano tutti lezioni di italiano non lo parlano ancora tutti con la stessa facilità, essendo arrivati tutti in momenti diversi. Per questo, nonostante il corso sia fondamentalmente in italiano, decidiamo insieme di ripetere le spiegazioni, quando necessario, in inglese ed in francese (le due lingue veicolari utilizzate dai ragazzi).

Gli argomenti trattati sono stati:
-cosa sono il computer, lo schermo, la tastiera ed il mouse;
-come accendere il computer e come controllarlo;
-file e cartelle, il filesystem;
-comandi per tagliare, copiare ed incollare;
-creare e modificare un file di testo;
-utilizzare il modulo Writer di Libreoffice (come lezione generale sui software di scrittura) per scrivere, formattare e stampare un testo;
-nozioni generali su internet;
-utilizzo di Firefox (come lezione generale sui browser internet) per visitare pagine web e salvarle tra i segnalibri;
-utilizzo della posta elettronica: creazione di un indirizzo personale, accesso, invio e ricezione di email e allegati;
-utilizzo di mappe online: OpenStreetMap come esempio di un database geografico a gestione comunitaria.


Alla fine delle lezioni, i ragazzi che hanno continuato a seguire il corso hanno ricevuto un attestato di frequenza, e in molti si sono detti interessati a continuare con un secondo corso. Per tutti si presenterà il problema di come continuare ad impiegare le conoscenze acquisite durante il corso: negli anni dei laptop e degli smartphone, può comunque essere difficile l'accesso ad un computer, e le postazioni informatiche aperte a tutti non sono tante.